IL LOGO DI TWITTER

Twitter è stata creata il 21 marzo 2006: Questa applicazione fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo, con lunghezza massima di 140 caratteri. Nel 2017 la lunghezza dei tweet è stata aumentata a 280 caratteri.

I messaggi brevi di Twitter possono essere etichettati con l’uso di uno o più hashtag (una o più parole unite da un cancelletto): etichettando un messaggio con un hashtag si crea un collegamento a tutti i messaggi recenti che citano lo stesso hashtag.

L’immagine che si vede oggi è suggerita dal nome, infatti “to tweet” significa cinguettare. In nove anni il logo è cambiato molto dall’inizio, si pensi che prima non c’era neanche l’uccellino che vediamo oggi.

All’inizio la scritta verde su sfondo bianco era “Smssy”, poi “blob” e poi ancora “Twittr”.

Linda Galvin ideò il logo come lo conosciamo oggi.

L’uccellino Larry comparve per la prima volta nel 2010 e nel 2012 sostituì definitivamente la scritta quando con l’arrivo degli smartphone c’era bisogno di un logo semplice e identificabile facilmente.

L’ultima modifica di twitter venne fatta nel 2012: il ciuffo di Larry non c’è più, il becco è all’insù e lo sfondo è di celeste più scuro.

Lorenza

IL LOGO DI SNAPCHAT

Snapchat è stata fondata nel settembre 2011 da Bobby Murphy ed Evan Spiegel a Los Angeles.

Snapchat è un applicazione che serve a comporre video e audio con lo smartphone. I più giovani sono stati i primi ad accorgersi di questa applicazione, soprattutto i “Millennials” ovvero i giovanissimi di età compresa tra i 10 ed i 20.

IL LOGO

SNAPCHAT è rappresentato da una semplice forma quadrata gialla con angoli leggermente arrotondati. Si tratta di un giallo primario che sembra vivace…ma senza essere troppo brillante. L’interno del quadrato contiene la silhouette di un FANTASMA BIANCO. Questo sembra essere simile al classico costume di Halloween di una persona che indossa un lenzuolo con una testa arrotondata, due braccia tozze e un bordo curvo e fluttuante lungo il fondo. Per differenziare i colori chiari del giallo e del bianco, c’è una sottile linea nera che delinea il “fantasmino”.

ALINA

Il mostro di San Lazzaro

Da alcuni giorni nelle vicinanze del fiume del nostro Comune si vedono a riva barche distrutte e altri disastri.

La gente non si avvicina più al laghetto di San Lazzaro perché l’acqua è diventata torbida, si sente puzza di marcio e si trovano cadaveri di pesci sulla riva.

Gli animali scappano, non ce ne sono più!

I cittadini sono disperati perché amano il pesce e andare a pescare.

Degli scienziati con strumenti speciali cercano di capire cosa succede a San Lazzaro, da tutto il mondo stanno arrivando scienziati famosissimi

Una fotografa un pomeriggio ha fotografato il fiume di San Lazzaro e questo è quello che ha testimoniato: “stavo camminando, quando all’improvviso vedo questo testone lungo e inizio a fare tantissime foto”.

La fotografa sostiene di aver visto un vero e proprio mostro…

Allora sul giornale si è cominciato a scrivere: “ATTENZIONE!! al fiume di San Lazzaro c’è un mostro”. A questo punto il fiume venne chiuso per un po’ e passò un po’ di tempo.

Passarono un po’ di mesi e la gente si dimenticò del mostro fino a che lo riaprirono… ma il mostro non se ne era andato.

Un pomeriggio un signore iniziò a pescare ma sentì un botta sulla barca…e allora il signore chiamò la polizia che arrivò a salvarlo con la barca.

Per risolvere il problema del mostro chiamarono degli specialisti che con una rete lo catturarono e lo portarono al “Museo antico”.

Alla fine si scoprì che era un dinosauro acquatico sopravvissuto di nome “Acquaticus”.

La sua particolarità era che assomigliava al mostro di Lock Ness che non è mai stato trovato.

 

Michela e Shanti

INTRODUZIONE AL TRIAL

                                                                       

Per trial si intendono tante cose, tentativo, trial(bici)…

…ma ciò che ci interessa è MOTO TRIAL, una disciplina complessa e non tanto dinamica.

Consiste nello stare in equilibrio e saltare da un ostacolo all’altro.

Il trial si divide in 2 grandi gruppi:

URBAN TRIAL(o trial indoor)=fare trial su ostacoli artificiali.

TRIAL=si sfrutta la natura per eseguire i salti e fare le gare.

                                                 LE MIGLIORI MARCHE

Come le auto anche le moto da trial hanno le loro marche migliori, che variano di modello in modello per estetica, potenza, colori, aggressività…

Le marche sono tantissime ma le migliori si contano sulle punte delle dita:SHERCO, OSSA, MONTESA, FANTIC, GAS-GAS e la migliore in assoluto: BETA che ha vinto ben 13 mondiali

trial-1169789_960_720

 

 

                                           IL TRIAL IN ITALIA

Il trial in Italia è tanto poco conosciuto quanto poco praticato,infatti l’unica scuola di trial certificata F.M.I.(federazione motociclistica italiana)

in italia è la scuola I PICCOLOTTI.

Il trial non è molto praticato anche se al nord avremmo tantissimi paradisi per trialisti(come i boschi del Piemonte)inutilizzati per divieto o abbandono.

Noi non abbiamo nemmeno(come nazione) campioni di trial, infatti gli atleti che dominano il campionato sono gli spagnoli con Toni Bou che gareggia su HONDA cominciando le sue vittorie internazionali nel 2002 come categoria JUNIORES, fino ad arrivare nel 2017 con molteplici titoli.

 

toni-bou-sergio-001

I BITCOIN

Cosa sono i bitcoin?

I Bitcoin nascono come valuta virtuale nel 2009. Il suo inventore ha identità sconosciuta ma è noto al mondo con il nome di Satoshi Nakamoto. Si tratta in pratica di una moneta non reale, intangibile, con la quale però si possono comprare oggetti reali. Non esistono banche che li controllano. Il valore reale di un Bitcoin è molto variabile. In questo momento i Bitcoin hanno un valore molto alto e alcuni economisti stanno iniziando a considerare i Bitcoin come la valuta del futuro.

Come funzionano i Bitcoin?

Chiunque può coniarla ma esiste un tetto massimo di bitcoin coniabili. Questa cifra è di 21 milioni. E secondo diversi calcoli dovrebbe essere raggiunta nel 2140. L’uso di questa moneta garantisce l’anonimato anche se ogni bitcoin ha un intestatario in modo da poter essere utilizzata una sola volta. La privacy è garantita dal fatto che è il possessore a decidere se rivelarsi o meno durante la transazione. Inoltre ogni moneta può avere un indirizzo diverso.

Il futuro dei Bitcoin

Per molti i Bitcoin non hanno un futuro poiché non sono facilmente regolarizzabili. Per altri però questa è la moneta del futuro. Non a caso negli ultimi tempi il valore dei Bitcoin hanno subito un’impennata. Da aprile 2016 ad oggi il loro valore è passato da poco meno di 400 euro a oltre novemila euro. E il motivo si può legare agli scenari geopolitici. Se Cina e Russia iniziassero ad accettare i Bitcoin come alternativa al dollaro statunitense il valore di questa moneta virtuale schizzerebbe in alto. Una previsione non troppo utopica visto che la maggior parte degli scambi di Bitcoin avviene proprio in Cina. Il governo cinese, inoltre, dopo aver messo dei limiti ai Bitcoin per evitare la speculazione non ha più ostacolato questa moneta virtuale.

GIOCO D’AZZARDO CON I BITCOIN

I Bitcoin e il gioco d’azzardo sono molto vicini. Infatti vi sono molti vantaggi nel giocare con questa valuta virtuale; giocando con i Bitcoin le transazioni sono veloci e anonime e non bisogna pagare le tasse, inoltre non è illegale in quanto i Bitcoin non sono ufficiali. Vi sono però dei contro: se si effettua un versamento al casinò sbagliato si potrebbero perdere tutti i soldi. Secondo noi il valore di questi Bitcoin andrebbe abbassato perché potrebbe aumentare i traffici illegali su internet.

Articolo realizzato sulla base delle seguenti fonti: Tecnologia.libero

APPLE RALLENTA GLI IPHONE ?

Apple ha scritto una lettera, in cui dice che rallenta gli Iphone. Molti blog hanno fatto dei titoli clickbait, ad esempio :” Apple ha ammesso di rallentare volontariamente gli Iphone”.

Diciamo che non è esattamente così. Alcuni dispositivi vecchi è vero che si sono rallentati ma proviamo ora a capire.

Prendiamo per esempio un’ iphone 6 aggiornato ad ios 10.

C’è un post su twitter e reddit che dice di notare significanti rallentamenti di un iphone di qualche anno fa e ha cominciato ad indagare. Dopo facendo benckmark utilizzando geek benck e alcuni sistemi di score ha notato che i geekbenck segnava dei punteggi più bassi da quando ha aggiornato il software.

Lui ha eseguito i test prima con la batteria originale e poi con quella nuova: nella foto ci sono i risultati

Schermata a 2018-01-17 15-56-09

Possiamo vedere che i punteggi si sono raddoppiati e sono tornati a quelli di quando era uscito dalla fabbrica.

E dopo c’è stata l’ammissione di Apple. Questo aggiornamento diminuisce i clock (giri) nel processore.

Le batterie a ioni di di litio, che sono quelle implementate nei telefoni di oggi, hanno queste batterie e con l’andare del tempo si rovinano come qualsiasi cosa, e consumandosi durano meno e dopo molti anni possono esplodere.

Il processore quando gli si richiede di fare operazioni pesanti richiede più voltaggio.

Il ragazzo con la batteria vecchia aveva un clock (giri) di 600 mentre con quella nuova ne sono tornati 1400.

Quindi: Apple diminuisce di proposito la frequenza del processore per consumare meno batteria ma ovviamente limitando il processore si hanno cali di prestazione.

Per esempio Samsung che non fa questo downclock si ha una batteria di un s5 che non dura niente.

Quindi non è Apple ha diminuire di proposito il clock del processore per convincerci a comprare il nuovo iphone X, ma è per un discorso di batteria: infatti una batteria su un iphone andrebbe cambiata ogni 2-3 anni, ma come su ogni altro telefono !

Se per esempio avete un Iphone 6 e notate un grosso calo di prestazioni vi consigliamo di cambiarla perchè Apple ha cambiato il costo di sostituzione da 80 a 30 euro. Quindi questa non è obsolescenza programmata che fa praticamente suicidare il processore dopo un tot di tempo, ma, appunto, cambiando la batteria si ritorna ad avere un telefono prestazionale

Per noi Apple potrebbe far decidere all’utente se volere un processore più performante e far durare meno la batteria oppure un processore meno performante ma far durare di più la batteria.

ISIDORO & HELAN

I siti di scommesse: dove e come trovarli

Il tema del post di oggi sono i diversi siti di scommesse che possiamo trovare online

I siti di scommesse sportive sono dei siti in cui si può scommettere sulla propria squadra del cuore, sulle corse dei cavalli e, in generale, su ogni sport. Però l’unico problema è che si rischia di non avere più una casa perché si è scommesso troppo sulla propria squadra del cuore, avrebbe senso?

Il gioco consiste nel connettersi a internet o andare in un centro di scommesse sportive e spendere per sperare che la propria squadra vinca e in quel caso ricevere un’agognata ricompensa. Ci sono molti fattori che influenzano quanti soldi si possano vincere, per esempio: quanti soldi sono stati scommessi e quanto è alto il tasso di vincita. Diciamo che in questo è la fortuna che vince quindi si può contare “sulla propria esperienza da giocatore”: 

 Le principali agenzie di scommesse italiane sono :Bet 365, Snai e per ultima Sisal Matchpoint.

Il gioco d’azzardo è inoltre caratterizzato dal fenomeno delle slot machine: sono macchine e website in cui si possono scommettere un tot di  soldi per una giocata: si va da una giocata minima 1 euro per arrivare a più di 50 euro e il gioco consiste nel premere un bottone e sperare che tre o quattro immagini vadano sulla stessa linea. In caso non vadano sulla stessa linea si perdono tutti i soldi della giocata: si stima che si perdono 0.75€ centesimi a giocata.

Ci sono slot che permettono di giocare 1 volta al secondo: immaginate se scommettessimo 50 euro con un tempo di giocata a 1 secondo! In 10 secondi potremmo perdere 500 euro: è incredibile quanto si possa perdere in pochi secondi e rimanere indebitati mentre altri ci guadagnano. 

Infine, le slot machine si ispirano alle serie tv e ai film di maggiore successo per attirare sempre maggiori giocatori.

Per questo appuntamento è tutto! Ciao a tutti gli amici e le amiche di bao-blog!

Isidoro